iVisa.com

Gola di Olduvai e Laetoli

Gola di Olduvai e Laetoli

Negli ultimi trent'anni è diventato sempre più evidente che l'Africa è probabilmente la "culla dell'umanità". I resti dei primi esseri umani furono trovati nella gola di Olduvai.

La gola di Olduvai si è formata circa 30.000 anni fa ed è il risultato di attività geologiche aggressive e di corsi d’acqua.

La Gola di Olduvai è un sito che contiene le prime prove dell’esistenza dei primi esseri umani. I paleoantropologi hanno trovato centinaia di ossa fossili e strumenti di pietra risalenti a milioni di anni fa, portandoli a concludere che gli umani si sono evoluti in Africa.

Olduvai è un errore ortografico di Oldupai, una parola Maasai per una pianta di Sisal (agave sisalana) selvatica che cresce nell’area. La gola si trova nella Great Rift Valley, tra il Ngorongoro e il Serengeti.

Il ripido burrone è lungo circa 48,2 km e 89,9 metri di profondità, ma non è abbastanza grande da essere classificato come un canyon. Un fiume ha eroso diversi strati di roccia andando a formare quattro letti singoli, con il più vecchio stimato a circa 2 milioni di anni.

A Laetoli, 30 km a ovest del cratere di Ngorongoro, sono conservate alcune orme di ominidi nella roccia vulcanica, risalente a 3,6 milioni di anni. Queste rappresentano alcuni dei primi segni dell’umanità nel mondo. 
L’Australopithecus Afarensis, una creatura alta da 1,2 a 1,4 metri, è stata trovata in questo cratere e le sue impronte sono esposte nel museo di Oldupai.

Alcuni discendenti degli ominidi di Laetoli furono trovati più a nord, sepolti negli strati della gola di Oldupai.
Durante gli scavi, condotti principalmente dagli archeologi Louis e Mary Leakey, furono trovati quattro diversi tipi di ominidi. Studiandoli notarono che vi era un aumento graduale delle dimensioni del cervello e della complessità dei loro strumenti in pietra.
Il primo teschio di Zinjanthropus, comunemente noto come “Schiaccianoci” che visse circa 1,75 milioni di anni fa, fu trovato qui.
I ritrovamenti più importanti sono l’Homo Habilis, lo Zinjanthropus e l’impronta di Laetoli.

Pagine correlate

Come arrivarci

Periodi migliori per andarci


Gola di Olduvai e Laetoli Articles

0

Gola di Olduvai e Laetoli Accommodations

0

Gola di Olduvai e Laetoli Nearby Attractions

Monte Ol doinyo Lengai
"Oldoinyo Lengai" significa "La montagna di Dio" nella lingua Maasai.
La cima di questo strato vulcanico si trova a 2962 metri sul livello del mare e offre visite sulla caldera del solo vulcano…

Things to do:

Parco Nazionale del Tarangire
Il Parco Nazionale del Tarangire ha la più alta densità di popolazione di elefanti rispetto a qualsiasi altro parco della Tanzania, e la sua vegetazione sparsa, disseminata di baobab ed acacie, lo rende…

Things to do:

Lago Natron
Si trova nella parte settentrionale della Tanzania. In questo lago si possono trovare alte concentrazioni di carbonato di sodio ed è situato alla base del vulcano attivo Ol Donyo Lengai.
L'area…

Things to do:

Lake Eyasi
Lake Eyasi is a seasonal shallow endorheic salt lake on the floor of the Great Rift Valley at the base of the Serengeti Plateau, just south of the Serengeti National Park and immediately southwest of the…

Things to do:

Do you have listing / info to add?     Add here

Join us on Social Media