Guides

Visto Online

È possibile richiedere un visto online per visitare la Repubblica unita di Tanzania (Tanzania e Zanzibar).

È necessario compilare il modulo, effettuare il pagamento e inviare la domanda, il tutto online.
Il modulo verrà revisionato ed elaborato.

I candidati saranno informati tramite e-mail se la loro richiesta sarà stata accettata o rifiutata.
Si può controllare lo stato della domanda online attraverso il sistema.
Si potrà essere invitati alle ambasciate o agli uffici consolari della Tanzania più vicini per delle domande di approfondimento, qualora siano necessarie.

Inizia la procedura (in Inglese)

Qualora il collegamento qui sopra non funzionasse copiare l’indirizzo sottostante.

Source: https://eservices.immigration.go.tz/visa/

Scheda Informativa

La Tanzania è un Paese così ricco che ci vorrebbero anni per documentare tutte le risorse.

Il Paese non solo è orgoglioso di essere sede della montagna più alta e più grande al mondo, ma lo è anche per le ricche e diversificate concentrazioni di fauna selvatica, minerali e altre risorse disponibili. 

Se le opportunità turistiche dell'Africa dovessero essere riassunte da un singolo paese, quella nazione sarebbe la Tanzania.

 

Popolazione: la Tanzania ha una popolazione di circa 47,6 milioni (ONU, 2012). I nativi africani costituiscono il 99% della popolazione.

 

Clima: la Tanzania ha un clima tropicale lungo la costa ma diventa temperato negli altopiani. 
Aprile e metà maggio - Lunghe piogge (stagione verde) 
Giugno - Settembre = Stagione fresca 
Nov - Dic = Brevi piogge 
Ottobre - Marzo = la stagione più calda 

La gamma di temperature in Tanzania è piuttosto costante e sempre calda, che va dai 25 ai 30°C sulla costa mentre il resto del paese a parte gli altopiani scorrono da 22 a 27°C. 

Ora: GMT + 3 ore 

Elettricità: 240 volt CA, 50 - 60 Hz 

Lingua: Kiswahili e inglese

 

Area: 945.087 km²

 

Aspettativa di vita: 58 anni (uomini), 60 anni (donne) (ONU)

 

Unità monetaria: 1 scellino tanzaniano = 100 centesimi

 

Principali esportazioni: oro, sisal, chiodi di garofano, caffè, cotone, anacardi, minerali, tabacco

 

RNL pro capite: 540 USD (Banca Mondiale, 2011)

 

Dominio Internet: .tz

 

Prefisso internazionale: +255

 

Valuta: scellini della Tanzania; tuttavia, si consiglia di portare dollari americani. I cambiavalute accettano le principali valute convertibili, inclusi EURO e Yen giapponese. I Travelers Cheques possono essere accettabili in alcuni posti, ma non in remota campagna, le principali carte di credito possono essere accettate in alcuni hotel di grandi dimensioni, tuttavia è consigliabile portare contanti in dollari USA da cambiali all'arrivo.

 

Sistema di governo: la Tanzania è una repubblica democratica pluripartitica.

 

Capitale: Dodoma, con una popolazione di circa 325.000, è la capitale ufficiale mentre Dar-es-Salaam, con una popolazione di quasi 4 milioni di abitanti, funge da capitale amministrativa del paese.

What to Take on Safari

There is no real need (unless you specifically want to) to go out and buy any special clothes for your safari experience – most people have something in their wardrobe that will be fine!

Clothing
Cotton clothing(preferably in neutral colours) is recommended, but do try and keep whites to a minimum, as white can attract bugs at night.  Bright coloured clothing should be avoided if possible.  Shorts are ideal for walks and the warm midday periods.  Long trousers can be worn at night to protect from mosquito bites. Dinner dress in the evening is also very casual.

A lot of the lodges will offer a laundry service, but if this is not included in your rate, then it will be priced on a ‘per item’ basis, which can become quite expensive if you decide to put all your dirty laundry in to be cleaned!

Comfortable walking shoes, trainers or hiking boots are advisable if you want to go on a bush walk - otherwise sandals are ideal to wear at meal times and around the lodge area.

In addition, during the rainy months, a waterproof jacket is of course a good idea.  If you are visiting during the Southern Hemisphere summer months (so from March to May) a warm sweater is useful for the cooler morning and evening temperatures when out on game drives - you also have the ‘wind chill’ factor of being on a moving vehicle.

During the Southern Hemisphere winter months (so between June and September), you will certainly need several warm layers for your game drives, including a hat, scarf and gloves, as it can be extremely cold when the sun goes down in the evenings, and when you first set off on the morning game drive.  It is always better to have too many layers for warmth than not enough!

Other Essentials
A strong sun block, a sun hat, sunglasses and lip balm are a good idea to have with you when out on game drives in the sun.

Also, make sure you have your camera, binoculars and spare camera batteries for the game drives too.  If you have a video camera, it may be a good idea to take a spare battery for this as well.

An insect repellent is necessary, especially in the evenings.  Most lodges do supply repellent for guests to use, but just in case it would be worth taking this with you.

Of course, if you are going on safari in a malarial area, don’t forget your malaria tablets!  You will need to consult your doctor at least 6-8 weeks prior to travel to see what course of malaria tablets they recommend, and when you should commence the course. 

Luggage Restrictions
If you are getting to your safari destination by a charter flight, do please check what the baggage weight allowance is before you arrive to check in.  For most charter flights, the limit is 15 kg, and most airlines do require your luggage to be in soft bags (to enable the pilot to easily stow the luggage in what is sometimes a small hold in the plane).

Self-Drive Safaris
In addition, a good field guide book to the animals of the region is an excellent item to have in the car with you, along with plenty of water and other refreshments. 

Fauna Selvatica

La Tanzania contiene circa il 20% delle specie di grandi mammiferi africani. Sono presenti nelle riserve, nelle aree di conservazione, nei parchi marini e nei 17 parchi nazionali, distribuiti su un'area di oltre 42.000 chilometri quadrati che coprono circa il 38% del territorio del paese.

Le risorse naturali della Tanzania sono descritte come “senza paragoni in Africa” e “il principale paese di osservazione della fauna selvatica”.
Il Serengeti National Park, la seconda area più grande del paese con i suoi 14.763 chilometri quadrati, si trova nel nord della Tanzania ed è famoso sia per le sue mandrie migratorie di gnu e zebre che come una delle grandi meraviglie naturali del mondo.
L’area di conservazione di Ngorongoro, fondata nel 1959, è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità ed è abitata dai Maasai.
Il suo cratere è la più grande caldera intatta al mondo.

I parchi nazionali comprendono anche parte delle zone umide della Tanzania.
Gli animali selvatici tendono ad essere più presenti nelle zone umide, in particolare le specie che amano l’acqua, come l’ippopotamo, l’antilope d’acqua, il facocero comune, l’elefante, il coccodrillo, l’antilope sitatunga e gli uccelli acquatici come i fenicotteri e le anatre.

Dall’era coloniale, la conservazione della fauna selvatica in Tanzania è stata una prerogativa del governo.
In base a questa struttura, la concessione dell’uso di risorse naturali da parte delle comunità locali era sempre stato restrittivo, causando un aumento della povertà rurale e del bracconaggio.
Negli ultimi anni, l’Autorità dei Parchi Nazionali della Tanzania (TANAPA) ha avviato azioni correttive per coinvolgere la comunità locale negli sforzi di conservazione, che mira al contributo alle economie locali attraverso una condivisione equa dei benefici.

Arusha Manifesto

 

FAQ

Best Time to Visit Tanzania

The best wildlife viewing months in Tanzania are during the dry season from late June to October. The best chance of seeing the wildebeest migration in the Serengeti is during June and July and the time to see the wildebeest calving is late January to February. The Southern and Western Circuit Parks are best visited during the dry-season (June to October), unlike the more popular Northern Circuit Parks that can be visited year-round. Tarangire is the only exception, since its wildlife viewing is considerably better in the dry-season as well.

Quick facts

Best time to go:

June to October (All parks), June-July and January-February (Serengeti for the wildebeest migration & calving)

High Season:

July to March (northern circuit parks; they get crowded), July to October (southern and western circuit parks; they don't really get crowded any time of the year)

Low Season:

April and May (northern circuit parks still get quite a few visitors unlike the southern and western circuit parks, where many lodges close down)

Best Weather:

June to October (Little to no rainfall)

Worst Weather:

March and April (Peak of wet season)


June to October - Dry Season

  • June and July are the best months to see the wildebeest migration.
  • Animals are easier to spot since they concentrate around waterholes and rivers and there is less vegetation.
  • There are fewer mosquitoes because there is little to no rain. Skies are clear and most days are sunny.
  • Even though most tourists visit during the dry season, the parks still don't feel crowded, except for the Seronera area in the Serengeti and the Ngorongoro Crater. 
  • Mornings and nights get cold. It's recommended to bring warm clothing for morning game drives in open vehicles during the months of June, July and August.

November to May - Wet Season

  • Late January to February is the time to see the calving in the southern Serengeti. This is an excellent time to see predator action.
  • The scenery is green and beautiful. It's low season, meaning lower rates and less crowded parks.
  • Although wildlife is easier to spot in the dry season, you'll still see plenty and most northern circuit parks offer good year-round game viewing.
  • Migratory birds are present and birdwatching is at its best.
  • Except for March, April and May, rains are mostly short afternoon showers and seldom have a negative impact on your trip. 
  • March to May is the peak of the wet season.
  • Most big wildlife has migrated out of Tarangire NP and game viewing in Katavi, Selous and Ruaha is clearly better during the dry season.

Best time to go to Tanzania by major park
The Serengeti and the Ngorongoro Crater offer good wildlife viewing throughout the year. June and July are the best months for seeing the migration and February is the best month for the wildebeest calving. The dry months offer good game viewing throughout Tanzania. Tarangire and the southern and western circuit parks (including Katavi, Selous and Ruaha) are best visited in the dry season, from June to October.

Do I require a visa?
Visas are required to enter Tanzania as of other East African Countries – Kenya and Uganda. They can either be obtained in advance through the various Embassies/High Commissions abroad, Consulates or at the airports or other ports/borders of entry.
The process is fast and easy and all one requires to have is a valid passport (at least six months). 

Where and how can I apply? – see Tanzania VISA section

Transport
Airport and Arrival Information;
Three International Airports, Dar-es-Salaam, now know as “Julias Nyerere International Airport – JKIA” and “Kilimanjaro International Airport – KIA” and Zanzibar International Airport. See flights coming to Tanzania and Zanzibar – see flights coming to Tanzania 

To begin safaris in Northern Tanzania, most visitors are advised to book with Airlines whose Arrivals & Departures are at KILIMANJARO INTERNATIONAL AIRPORT (KIA) which is 45 minutes drive from Arusha town. See International Airlines such as AIR TANZANIA, KLM Royal Dutch with daily Flights out of Amsterdam into Kilimanjaro and Dar es Salaam, GULF AIR, KENYA AIRWAYS, ETHIOPIAN AIRLINES and Emirates. It is also possible to get flights arriving to Nairobi (Kenya) from where you can make arrangements to transfer to near city of Arusha.

Ferries: Boat and Ferries to Zanzibar and Mafia, see ferries to Zanzibar

Immunizations / Vaccination:

What medical precautions should we take?
Vaccination requirements change from time to time. We suggest you consult your local doctor or health department for information on the latest health precautions. Currently, shots against Yellow fever and cholera are recommended but not mandatory. As a precaution we usually advise anti-malarial drugs to be taken before, during and after your visit to East Africa. Also, if you are on prescription medication, please ensure you have an adequate supply to last the duration of your stay and a copy of your prescription(s). 

Malaria: your risk of malaria may be high in all countries in East Africa, including cities. See your health care provider for a prescription ant-malarial drug for details concerning risk and preventive medications.

What I should know for Safari? Everyone agrees that there is substantial planning required by those considering a safari in Africa. 

How far in advance should I book my safari?
It is better to book as far in advance as possible to ensure availability at the time you wish to travel, especially during the high/peak seasons – June to Oct and Christmas/New Year season.

What should I take on safari? (Should be used as a guide only)
As you will want to capture as much as possible of this amazing tour, don’t forget a camera, camcorder with lots of films, tapes, and replacement batteries for all these. A torch light would come in very handy.
Sunglasses, hat, sun lotion, lip-balm, insect repellents and your own toiletry requirements, small first-aid kit, a spare pair of glasses or lenses if you are using one.
Don’t forget a swimming costume and you might want to include a good book for the relaxing hours. Sleeping-bags and towels if you are planning for camping safaris must be included.

What should I take for mountain climbing? (Should be used as a guide only)
Sunglasses/Snow goggles, Rucksack & day pack, 3-4 season sleeping-bag, Insulation pad, Balaclava or woolen hat, Long sleeved shirt, Several pairs of socks, Gloves, Waterproof trousers & jacket, Warm sweaters, Anorak/raincoat, Gaiters, Water-bottle, Wooden walking stick, Hiking boots, Pair of light walking shoes, Warm scarf, Toiletry requirements, Flashlight with batteries, Sun protection cream, Small first aid kit, Lip salve, A whistle and some plastic bags.

Baggage Limit: 1 bag 15kgs maximum. It is advisable to have your own insurance covering, travel, medical, baggage and personal injury.
Persons undergoing medical treatment should obtain approval from their doctor prior to booking the trek. The trek is taken at the clients own risk.

What kind of food do I expect during the trip?
The quality and variety of food available on safari will be a pleasant surprise for our clients. Most lodges serve meals in buffet-style. The food is prepared according to the western-tastes, and includes some local cuisine too. If a camping safari is chosen, fresh meat and produce is prepared by the expert chefs accompanying the clients to the highest standards.

Special dietary requirements such as vegetarian or diabetic meals can be easily arranged with prior notice. A vegetarian or vegan may wish to bring along some alternative protein sources. Persons with multiple food allergies, it is advisable to bring along supplemental snacks. Please notify us of any possible dietary restrictions along with booking confirmation

Is drinking water safe?
In some places tap water is safe, but generally, it is not advisable to drink or brush your teeth with tap water. Bottled water is available everywhere and in almost all Lodges and Hotels and all super markets. On treks and safaris, it is better to carry sufficient bottled water.

What Type of Clothes to take? :
For safaris, especially in Northern Tanzania (Serengeti, Ngorongoro, Lake Manyara, Tarangire and Arusha), during the day, light clothing is recommended with sturdy shoes and canvas hats. During the night in areas like Arusha and the Ngorongoro Highlands; where the altitude is between 1500 – 2500 Metres; a cardigan or pullover may be essential. In the same pack, remember your sun cream, lotions, sun glasses, a pair of binoculars, and a camera with rolls of film.

What would be the accommodations like?
Wide range of accommodations is available to suit your budget, lodges, hotels, tented camps, permanent camps to name a few. Most hotels are a nice blend of luxury, ambience, offering picturesque views. Once an inquiry is submitted, we provide you with a detailed list of accommodations available to suit your requirements.

Advise regarding photography?
For wildlife photography, a 200 mm zoom lens is the smallest that you should use, A 300-400 zoom is preferable. For bird-watchers, a 500mm or larger is necessary, and a wide-angle lens would be ideal for scenic shots. Bring extra camera and flash batteries and plenty of film – you may find these quite expensive and difficult to obtain locally.

Shopping Around: Locally made products are widely sold at reasonable prices. Ask your local Guide for the best offer to buy yourself or your friend items like; Batiks and Tingatinga paintings, Ebony carvings such as cutlery, bracelets, furniture and sculptures. Others include Maasai belts, rings and necklaces made of colourful beads, Khanga for women’s wrap around and Jewels to include Tanzania’s special Mineral – Tanzanite.

Do I require Travel Insurance?
We strongly recommend that you take out all of the necessary Travel Insurance before commencing on your journey.

What is the best time to visit Tanzania?
Climate in Tanzania is always wonderful, though you might have to avoid rains from Mid April to end of May to climb Kilimanjaro; however the following prediction is based on the movement of animals. It is the best time for game viewing. 

Northern Tanzania
all year round except April and May.

Southern Tanzania
June through October

Zanzibar, Pemba and Mafia
June through October; December through March

National Park & Game Reserve Fees as of 21 November 2010
Tanzania Parks and Game Reserves Fees and Regulations

Were are Tanzania Tourism Board Information Offices Located?

Dar-es-Salaam (Main Office)

Dar-es-Salaam (Eastern Zone Office)

Tanzania Tourist Board,
IPS Building, 3rd Floor
P.O. Box 2485, Dar es Salaam, Tanzania.
Email: info@tanzaniatourism.go.tz
General (255) 022 211 1244/5
Marketing (255) 022 211 1345
Tourism (255) 022 212 8472
Mobile (255) 0788 420 050
Fax (255) 022 211 6420

Tanzania Tourist Board,
Tourist Information Centre
Samora Avenue Road
Matisalamat  Building
P.O. Box 2485, Dar-es-Salaam, Tanzania.
Tel.: (255) 022 213 1555
Fax: (255) 022 211 642
Email: tic@tanzaniatourism.go.tz

 

Arusha (Northern Zone Office)

Mwanza (Lake Zone Office)

Tanzania Tourist Board, Arusha
Tourist Information Centre
47E Boma Road
P.O. Box 2348, Arusha, Tanzania.
Tel.: (255) 027 250 3842 / 3
Fax: (255) 027 254 8628
Email: bma@tanzaniatourism.go.tz

Tanzania Tourist Board, Mwanza
Tourist Information Centre
Posta Road, New Mwanza Hotel, Ground Floor
P.O Box 2175, Mwanza, Tanzania.
Tel:  (255) 737 199 806
Tel:  (255) 28 250 0818
Email: ttb-mwanza@tanzaniatourism.go.tz

Iringa (Southern Zone Office)

 

Tanzania Tourist Board and Tanzania National Park Tourist Information Office
Pawaga Road Iringa
P. O Box 1500, Iringa, Tanzania.
Tel: (255) 0787 113 868
Mob: (255) 0763 858 246
Email: ttb-iringa@tanzaniatourism.go.tz
Email: tanapa-iringa@tanzaniaparks.com

 

Filming in Tanzania?
Filming permit in Tanzania, please write and aquire information and licences from Tanzania Tourist Board [address above] or email to info@tanzaniatourism.go.tz Managing Director, TTB

Guidelines on Tourism Licenses and Forms – TALA
The guidelines for tourism licenses contained in this booklet issued by the Tourism Division of the Ministry of Natural Resources and Tourism will very much assist tourism business operators in the country.

I anticipate that all those engaged in the tourism business will be made aware of these regulations and that it will receive enduring support from all the tourism operators.

With that they shall abide to all other Laws and Regulations set by the Government to operate in this business.

Visa Requirements

Foreigners seeking to enter the United Republic of Tanzania should be in the possession of valid passports or any other travel document. The passport or any other travel document is to be presented to the Immigration Control Officer at any entry point, such as Border station, Airport or Harbour. The travel document must be presented along with one of the following:

1. Entry Requirements
Foreigners seeking to enter the United Republic of Tanzania should be in the possession of valid passports or any other travel document. The passport or any other travel document is to be presented to the Immigration Control Officer at any entry point, such as Border station, Airport or Harbour. The travel document must be presented along with one of the following:

  • A valid visa or
  • A residence permit or
  • A pass

N.B: A visitor must also present an onward or return ticket together with proof that he/she has sufficient funds to support himself or herself while in Tanzania.

2. Visas 

  • A visa is a permission granted to a foreigner who intends to enter into Tanzania for business, holiday, studies or conduct research or any other approved activities.
  • Visas should be obtained at Tanzania Embassies/High Commissions abroad or at the entry point.
  • After entering the country, a visitor with a visa may then obtain from the Immigration Control Officer, a pass or any other authority to stay in the country.

3. Who Requires a Visa?

  • All foreigners from Non-Commonwealth Countries are required to have a valid visa unless their countries have a visa abolition agreement with Tanzania.
  • Citizens of Commonwealth countries are not required to obtain visa, unless they are citizens of the United Kingdom, Canada, Nigeria, India, Pakistan or The Republic of South Africa, Australia and New Zealand. However, the list may change from time to time.

4. Types of Visas
There are five(5) types of visas valid for entry into Tanzania:

i. Ordinary Visa
An Ordinary Visa is issued at any Tanzania Mission abroad or at any official entry point into Tanzania boarder.

ii. Carrying on Temporary Assignment (CTA)
CTA is issued to prospective visitors who intend to visit Tanzania for purposes of making feasibility studies, establishing professional and business contacts, and making arrangements for investments during the start-up period. The validity of this visa is two months. This type of visa is issued at the entry point.

iii. Multiple entry Visa
Foreigners who, because of the nature of their business or investments, need to make frequent visits to the United Republic of Tanzania may be issued with Multiple- entry visa. The validity ranges from (3) months to one year.

Applications for multiple-entry visa are usually submitted to the Director of Immigration services by local contacts on behalf of the applicant

iv. Referred Visa
A referred visa requires a permission of the Director of Immigration Services or the assistant Director of Immigration Services in Zanzibar. This type of a visa is required for the nationals of the following countries: Lebanon, Pakistan, Bangladesh, Nigeria, Somalia, Afghanistan, Senegal, Mali, Turkey, Iran, Iraq, Ethiopia, Syria, Egypt, Yemen, Morocco, Tunisia, Saudi Arabia, Jordan, Sri lanka, Mauritania, Sierra Leone, Niger, Liberia and for refugees, stateless people and any other nationalities as may be specified from time to time by the authorities. Persons in need of this type of visa may make enquiries at any Tanzania Mission abroad.

v. Transit Visa
A Transit Visa is a permission to pass through Tanzania from one entry point to the exit point. It is for the people whose purpose of their entry into Tanzania is simply to pass through to the other destination abroad without visiting. This type of a visa is only issued to persons with onward tickets, sufficient funds for transit, and an entry visa to the country of destination or any proof that prior arrangements have been made that satisfy this requirement. There is no special clearance for transit visa, except for those specified in paragraph 4.4 above.

5. Visa Issuing Centres and Authorities
Visas are issued by the following:

  • The office of the Director of Immigration Services, Dar es Salaam, and the Office of the Assistant Director of Immigration Services Zanzibar.
  • Tanzania Missions abroad
  • Entry points to the United Republic of Tanzania, i.e. Namanga, Tunduma, Sirari, Horohoro, Kigoma Port, Julius.K. Nyerere International Airport (JKNIA), Kilimanjaro International Airport, Zanzibar Harbour and Zanzibar International Airport (ZIA) and other gazetted entry points.

6. Visa Fee Rates
Visa fee for Holiday and Ordinary visa is US $. 50. Multiple visa 6 months to 1 year is US $ 100, while 3 months multiple visa fee is US $.50.
Business Visa usd 250  and transit visa USD 30, refer http://www.immigration.go.tz/index.php/en/services/visa-information

7. Extension of Stay: 
You can extend your visas for three months at a time up to a maximum of six months at the immigration office in Dar es Salaam.

8. Temporary Residence: 
Residence permits are granted to foreign nationals if they are employed by a Tanzanian company, or working long-term as missionaries or volunteers. You must apply for these through the Immigration Services Department. Visa and other related application can be downloaded from www.immigration.go.tz/index.php/en/download/forms

OTHER REQUIREMENTS

Residence Permits
Residence permits are not issued by Tanzania Missions but rather the Immigration Department.  Application for residence permits must be done and obtained prior to arriving in Tanzania. The requirements are as follows:

Work Permits
Work permits are not issued by Tanzania Missions but rather the Ministry of Labour, Employment and Youth Development.  Application of work permits must be done and obtained prior to arriving in Tanzania. The requirements are: Znz Min Labour, youth, women and children dev

Filming License
Filming licenses are required must and permits to import filming equipment must be obtained prior arrival in the country.

Geografia

La Tanzania ha una geografia varia, che include profondi e grandi laghi d'acqua dolce e salata, molti parchi nazionali e il punto più alto dell'Africa, il Monte Kilimanjaro (5.895 m).

La Tanzania nord-orientale è montuosa e comprende il monte Meru, un vulcano attivo, il Kilimanjaro, un vulcano dormiente, e le catene montuose di Usambara e Pare. Il Kilimangiaro attira migliaia di turisti ogni anno.

Ad ovest di quelle montagne si trova la Gregory Rift, che è il braccio orientale della Great Rift Valley.
Sul fondo della spaccatura ci sono una serie di grandi laghi salati, tra cui Natron a nord, Manyara a sud e Eyasi a sud-ovest.
La spaccatura comprende anche le Crater Highlands, che comprendono l’area di conservazione di Ngorongoro e il cratere di Ngorongoro.
A sud del lago Natron si trova Ol Doinyo Lengai (3.188 m), l’unico vulcano attivo al mondo a produrre lava di natrocarbonatite.
A ovest degli altopiani del cratere si trova il Parco Nazionale del Serengeti, famoso per leoni, leopardi, elefanti, rinoceronti e bufali, oltre alla migrazione annuale di milioni di gnu barbuti bianchi.
Solo a sud-est del parco si trova la gola di Olduvai, dove sono stati rinvenuti molti dei più antichi fossili e manufatti ominidi.

Più a nord-ovest si trova il Lago Vittoria sul confine tra Kenya, Uganda e Tanzania.
Questo è il più grande lago dell’Africa per superficie ed è tradizionalmente conosciuto come la sorgente del fiume Nilo.
Il Lago Vittoria si estende per 69.490 kmq, il lago più grande dell’Africa e il 49% di esso in Tanzania.
A sud-ovest di questo, separando la Tanzania dalla Repubblica Democratica del Congo, si trova il Lago Tanganica.
Si stima che questo lago sia il lago più profondo dell’Africa e il secondo lago più profondo del mondo dopo il Lago Baikal in Siberia, con profondità massima di 1.470 m, è lungo 673 km e largo 50 km in media. Il 41% della sua area si trova in Tanzania.
La parte occidentale del paese tra i laghi Victoria, Tanganica e Malawi è costituita da un terreno pianeggiante che è stato classificato dal World Wildlife Fund come parte dell’ecoregione dei boschi di Zambezian centrale a Miombo.
Appena a monte delle Cascate di Kalambo, c’è uno dei siti archeologici più importanti dell’Africa.

La terraferma tanzaniana è divisa in diverse regioni chiaramente definite: le pianure costiere, che variano in larghezza da 16 a 64 km con una vegetazione tropicale lussureggiante, e la steppa masai a nord, da 213 a 1.067 m sul livello del mare.

Il centro della Tanzania è un grande altopiano, che fa parte del Plateau dell’Africa orientale.
La metà meridionale di questo altopiano è costituita da praterie all’interno dell’ecoregione orientale dei boschi di Miombo, la maggior parte delle quali è coperta dall’enorme parco nazionale Selous.
Più a nord l’altopiano è terreno coltivabile e comprende la capitale nazionale, Dodoma.

La costa orientale contiene la città più grande della Tanzania e l’ex capitale, Dar es Salaam.
Appena a nord di questa città si trova l’Arcipelago di Zanzibar, un territorio semi-autonomo della Tanzania, famoso per le sue spezie.

La costa ospita zone di mangrovie dell’Africa orientale, paludi di mangrovie che rappresentano un habitat importante per la fauna selvatica sulla terra e nell’acqua.

Storia

Si ritiene che gli esseri umani moderni provengano dalla regione della Rift Valley dell'Africa orientale. Qui, oltre a resti di ominidi fossili, gli archeologi hanno scoperto il più antico insediamento umano dell'Africa in Tanzania.

Storia antica
Nel 1959, il Dr. L.S.B. Leakey, un antropologo britannico, scoprì a Olduvai Gorge, nel nord-est della Tanzania, i resti fossili di quello che chiamò Homo Habilis, che visse circa 1,75 milioni di anni fa.
La Tanzania fu in seguito la culla delle culture del Paleolitico.
All’inizio del primo millennio le regioni del paese, compresa la costa, erano scarsamente popolate.
A quel tempo sembra che il commercio estero fosse effettuato tra la costa e l’Africa nord-orientale, l’Asia sud-orientale e l’India.
Intorno al 900 d.C. i commercianti del sud-est asiatico e quelli indiani si erano stabiliti sulla costa.
Scambiavano tessuti, perline e articoli di metallo in cambio dell’avorio. Esportarono anche un piccolo numero di africani come schiavi.
A quel tempo c’erano anche contatti commerciali con la Cina, direttamente e attraverso Sri Vijaya (l’attuale Indonesia) e India.
Intorno al 1000 la migrazione di oratori bantu all’interno della Tanzania da ovest e sud era ben avviata e la popolazione era notevolmente aumentata. I bantu erano organizzati in unità politiche relativamente piccole.
Intorno al 1200, Kilwa Kisiwani (situato su un’isola) era un importante centro commerciale: gestiva l’oro esportato da Sofala (sulla costa del moderno Mozambico) e le merci (tra cui avorio, cera d’api e pelli di animali) dalle vicine zone della Tanzania.

I primi colonizzatori
Nel 1498, Vasco da Gama, l’esploratore portoghese, divenne il primo europeo a visitare la costa della Tanzania; nel 1502, alla sua seconda visita, fondò la città di Kilwa.
Nel 1505, Kilwa fu saccheggiata da Francisco d’Almeida, un altro esploratore portoghese, e nel 1506 il Portogallo controllava gran parte della costa dell’Est Africa.
I portoghesi non collaborarono con la popolazione locale e il loro impatto fu per lo più negativo: il commercio venne interrotto, le città diminuirono e le persone emigrarono dalla regione.
Tuttavia, il commercio di Kilwa crebbe grazie al contatto con i portoghesi. Verso la fine del XVI secolo, a Zimba, un gruppo proveniente dal Sud Africa, si spostò rapidamente lungo la costa, causando danni considerevoli e nel 1587 saccheggiarono Kilwa e uccisero circa 3.000 persone (circa il 40% dei suoi abitanti).
Nel 1698 i portoghesi lasciarono la costa africana (tranne che per un breve ritorno nel 1725) dopo una guerra con gli arabi dell’Oman.
All’inizio del XVIII secolo, gli omaniti mostrarono interesse per il commercio nell’Est Africa e questo aumentò ulteriormente dopo che la dinastia Bu Said sostituì i governanti Yarubi nel 1741.
L’attività commerciale dell’Oman era centrata su Zanzibar (e, in misura minore, a Mombasa), da cui controllava il commercio estero dell’Est Africa.
All’inizio del XIX secolo numerose città furono fondate sulla costa della Tanzania ed altre furono riprese, tra queste annoveriamo: Tanga, Pangani, Bagamoyo, Kilwa Kivinje (situato sulla terraferma vicino a Kilwa Kisiwani), Lindi e Mikandani.

Il commercio delle carovane
Sayyid Said, il grande sovrano Bu Saidi, si interessò molto all’Est Africa e nel 1841 trasferì permanentemente la sua capitale da Muscat, in Oman, a Zanzibar.
Portò con sé molti arabi, che si stabilirono nelle città del continente e sulla stessa Zanzibar.
All’incirca nello stesso periodo si aprirono nuove rotte carovaniere nelle regioni più interne della Tanzania.
Le tre linee principali andavano da Kilwa e Lindi alla regione del Lago Nyasa, da Bagamoyo e Mbwamaji (vicino all’attuale Dar es Salaam) a Tabora, dove un ramo proseguiva verso ovest fino a Ujiji (l’attuale Congo) e un altro si dirigeva a nord verso la regione di Victoria Nyanza, e da Pangani e Tanga a nord-ovest verso l’attuale Kenya attraverso il Monte Kilimangiaro.
Le carovane che seguivano la rotta meridionale ottenevano principalmente schiavi e avorio; lungo le rotte più a nord l’avorio era il principale bene acquistato.
Di conseguenza, la lingua swahili (una miscela di grammatica bantu e un considerevole vocabolario arabo) e la cultura hanno guadagnato nuovi aderenti.
Dopo la metà del XIX secolo diversi missionari ed esploratori europei hanno visitato varie parti della Tanzania, in particolare il Monte Kilimangiaro, Tabora, Lago Vittoria e Lago Nyasa.
Dal 1860 agli inizi del 1880 Mirambo, un Nyamwezi, guidò un grande stato che controllava gran parte del commercio di carovane nel Centro-Nord della Tanzania.
All’incirca nello stesso periodo, Tippu Tib, a Zanzibar, organizzò grandi carovane che passavano attraverso la Tanzania fino all’attuale Zambia e Congo, dove si ottenevano l’avorio e gli schiavi.

Colonialismo
Mentre la lotta tra le potenze europee per il territorio africano tra si intensificò nel 1880, Carl Peters e altri membri della Società per la Colonizzazione Tedesca firmarono trattati con gli africani (1884-1885) nell’entroterra della costa della Tanzania.
Con un accordo con la Gran Bretagna nel 1886, la Germania stabilì una sfera di influenza sulla Tanzania continentale, fatta eccezione per una stretta striscia di terra lungo la costa che rimase sotto la Suzerain del sultano di Zanzibar, che la diede in affitto ai tedeschi.
La Compagnia dell’Africa Orientale Tedesca (fondata nel 1887) governava il territorio, chiamato Africa Orientale Tedesca.
La condotta aggressiva della compagnia provocò un forte movimento di resistenza lungo la costa da parte di arabi, swahili (i cui principali leader erano Abushiri e Bwana Heri) e altri africani, che però furono sconfitti solo con l’aiuto del governo tedesco.
Un secondo accordo anglo-tedesco (1890) aggiunse il Ruanda, il Burundi e altre regioni all’Africa Orientale Tedesca.
Poiché la Compagnia aveva dimostrato di essere inefficace a governare, il governo tedesco nel 1891 rilevò il paese (che allora comprendeva la costa) e lo dichiarò un protettorato.
Tuttavia, fu solo nel 1898, con la morte del sovrano Hehe, Mkwawa, che si oppose fortemente al dominio europeo, che i tedeschi riuscirono a controllare il paese.
Durante il periodo dal 1905 al 1907 la rivolta dei Maji Maji contro la dominazione tedesca coinvolse la maggior parte della Tanzania; circa 75.000 africani persero la vita a causa delle campagne militari tedesche e della mancanza di cibo.
Sotto i tedeschi furono introdotte diverse nuove colture (tra cui piantagioni di agave sisalana, cotone e cauciù).
Fu incoraggiata la produzione e la vendita di altre merci (in particolare caffè, copra, sesamo e arachidi) e furono costruite ferrovie a Kigoma sul lago Tanganica e a Moshi.
Inoltre, furono fondate molte nuove missioni cristiane, che includevano scuole rudimentali per gli africani.
Durante la prima guerra mondiale, le truppe britanniche e belghe occuparono (1916) la maggior parte dell’Africa orientale tedesca.
Nel dopoguerra, la Società delle Nazioni fece del Tanganica un protettorato britannico, e Ruanda-Urundi (poi Ruanda e Burundi), un protettorato belga ed i portoghesi acquisirono il controllo di alcune terre nel sud-est.
Gli inglesi, specialmente durante l’amministrazione (1925-31) del governo Sir Donald Cameron, tentarono di governare “indirettamente” attraverso i leader africani esistenti.
Tuttavia, a differenza della Nigeria, dove la politica del dominio indiretto fu sviluppata per la prima volta (vedi Frederick Lugard), il Tanganica aveva poche unità politiche indigene su larga scala.
Pertanto, i leader africani dovevano essere stabiliti in circoscrizioni appena definite.
L’effetto della politica britannica, di conseguenza, fu di alterare considerevolmente i modelli della vita africana nel Tanganica.
Dopo un avvio lento, gli inglesi svilupparono l’economia del territorio, in gran parte lungo le linee stabilite dai tedeschi.
Un numero crescente di africani aveva un lavoro retribuito nelle piantagioni, specialmente dopo il 1945, quando la crescita economica cominciò ad accelerare.
Anche dopo il 1945 gli africani guadagnarono gradualmente più seggi nel consiglio legislativo del territorio (che era stato istituito nel 1926).

Indipendenza e Nyerere
Nel 1954, Julius Nyerere e Oscar Kambona trasformarono l’Associazione Africana del Tanganica (fondata nel 1929) nell’Unione Nazionale Africana del Tanganica (TANU) che era maggiormente orientata verso la politica.
Il TANU vinse facilmente le elezioni generali del 1958-60, e quando il Tanganica divenne indipendente, il 9 dicembre 1961, Nyerere divenne il suo primo dei Primo Ministro.
Nel dicembre del 1962, il Tanganica divenne una repubblica all’interno del Commonwealth e Nyerere fu nominato presidente.
Il 26 aprile 1964, poco dopo la rivoluzione di sinistra nella nuova indipendente Zanzibar, Tanganica e Zanzibar si fusero; Nyerere divenne il primo presidente del nuovo paese.
Abeid Amani Karume, capo del governo di Zanzibar e leader del suo partito Afro-Shirazi (ASP), divenne il primo vice presidente della Tanzania.
Benché formalmente unita alla terraferma, Zanzibar mantenne una notevole indipendenza negli affari interni.
Nel febbraio 1967, Nyerere pubblicò la Dichiarazione di Arusha, una dichiarazione politica importante che invocava l’egualitarismo, il socialismo e l’autosufficienza.
Ha promesso un governo decentralizzato e un programma di sviluppo rurale chiamato “ujamaa” (tirare insieme) che ha portato alla creazione di villaggi agricoli cooperativi.
Le fabbriche e le piantagioni sono state nazionalizzate e sono stati fatti importanti investimenti nelle scuole primarie e nell’assistenza sanitaria.
Mentre Nyerere metteva in pratica alcuni dei principi della dichiarazione, non era chiaro se il potere in Tanzania fosse, in effetti, decentralizzato.
Il TANU era l’unico partito politico legale della terraferma ed era strettamente controllato da Nyerere.
All’inizio degli anni ‘70 ci furono tensioni (e occasionali scontri di confine) tra Tanzania e Uganda, causati principalmente dal continuo sostegno di Nyerere al presidente deposto dall’Uganda, A. Milton Obote.
Tuttavia, nel 1973, Nyerere e il gen. Idi Amin, nuovo capo dello stato dell’Uganda, firmarono un accordo per porre fine alle ostilità.
La Tanzania ha sostenuto vari movimenti contro il dominio delle minoranze bianche in Sud Africa e molte di queste organizzazioni avevano uffici a Dar es Salaam.
Nel 1977, il TANU e l’ASP di Zanzibar si fusero per formare il Partito della Rivoluzione (CCM). Una nuova costituzione è stata adottata lo stesso anno.
Le ostilità con l’Uganda ripresero nel 1978 quando le forze militari ugandesi occuparono circa 1800 kmq del Nord della Tanzania e se ne andarono solo dopo aver causato danni ingenti.
Un mese dopo, le forze della Tanzania e i ribelli ugandesi fecero una controffensiva: la Tanzania catturò la capitale ugandese di Kampala nel 1979 e portò Idi Amin al potere.
Questa campagna esaurì ulteriormente le già scarse risorse economiche del paese.
La Tanzania mantenne le truppe in Uganda dopo la sua vittoria e attirò le critiche di altre nazioni africane per le sue azioni.
Nel 1983, i negoziati tra Kenya, Tanzania e Uganda portarono alla riapertura del confine con il Kenya, chiuso dal 1977 dopo il crollo della Comunità dell’Africa orientale.

Tanzania dopo Nyerere
Negli anni ‘80 era chiaro che le politiche economiche stabilite dalla Dichiarazione di Arusha avevano fallito.
L’economia continuava a deteriorarsi a causa di cicli di inondazioni e siccità, che ridussero la produzione agricola e le esportazioni.
Dopo che Nyerere si dimise (come promesso) nel 1985, Ali Hassan Mwinyi, presidente di Zanzibar, divenne capo del governo a partito unico.
Iniziò un programma di ripresa economica che comportò tagli alla spesa pubblica, la liberalizzazione dei prezzi e l’incoraggiamento degli investimenti esteri, la ripresa fu modesta.
Nel 1992 la costituzione fu modificata per consentire i partiti di opposizione.
Le elezioni multipartitiche del 1995, considerate dagli osservatori internazionali come fortemente influenzate, furono vinte da Benjamin William Mkapa, candidato del CCM al potere.
Negli anni ‘90 la Tanzania fu sopraffatta dai profughi della guerra nel vicino Burundi, infatti alla fine del decennio circa 300.000 profughi erano in Tanzania e il numero successivamente crebbe.
La Tanzania iniziò a rimpatriare i rifugiati nel 2002 e chiuse l’ultimo campo nel 2009. Oltre 200.000 rifugiati burundesi fuggiti in Tanzania nel 1972 erano presenti prima del 2009; molti di questi accettarono l’offerta di prendere la cittadinanza tanzaniana.
Mkapa, che ha continuato a perseguire riforme economiche, è stato rieletto nel 2000, ma ci sono state palesi irregolarità nel voto a Zanzibar, dove il partito di opposizione, che favoriva una maggiore indipendenza per l’isola, sarebbe dovuto andare meglio.
Nel 2005 il candidato alla presidenza del CCM, Jakaya Kikwete, ha vinto le elezioni con l’80% dei voti, e il CCM ha vinto oltre il 90% dei seggi in parlamento, ma il voto a Zanzibar è stato nuovamente segnato da violenze e irregolarità.
Un’indagine sulla corruzione ha coinvolto il primo ministro, Edward Lowassa e altri due membri del gabinetto nel 2008, portandoli a dimettersi a febbraio; Kikwete ha successivamente riformato il consiglio dei ministri.
Il presidente è stato rieletto nel 2010 con oltre il 60% dei voti, mentre a Zanzibar le elezioni sono state in gran parte pacifiche e il candidato del CCM ha conquistato la presidenza dell’isola.
Il CCM ha anche vinto tre quarti dei seggi in parlamento.

Popolazione

Il mix evocativo di persone e culture in Tanzania crea un arazzo di ricordi per il visitatore.

Ragazza Tanzaniana
Ragazza Tanzaniana

Sin dagli albori, quando le savane dell’Africa orientale e meridionale videro la nascita dell’umanità, la Tanzania è stata la patria di innumerevoli popoli di origini diverse.
La storia della Tanzania è stata influenzata da una processione di popoli, dai coloni Bantu originari dell’Africa meridionale e occidentale, agli arabi di Shiraz in Persia e Oman, dai portoghesi ai tedeschi ed agli inglesi.
I tanzaniani presero il controllo del proprio destino con l’indipendenza nel 1961.

A differenza di altri paesi africani, la maggior parte delle persone si identifica innanzitutto come tanzaniana. Questo riflette gli ideali che sono stati introdotti dal leader della nazione per oltre venti anni, Julius Nyerere

La Tanzania ha una popolazione di oltre 26 milioni con 120 gruppi etnici africani, nessuno dei quali rappresenta più del 10% della popolazione.
I Sukuma, tra cui il Nyamwezi, il Makonde e il Chaga del Kilimangiaro, sono il gruppo più grande; vivono nella parte nord-occidentale del paese, a sud del Lago Vittoria, sono abbastanza orientati al commercio e hanno prosperato con un mix di coltivazione del cotone e allevamento di bestiame.

Gli Hadzabe del nord della Tanzania hanno costruito una società basata sulla caccia e sulla raccolta del cibo, mentre gli Iraqw vivono negli altipiani centrali di Mbulu e sono noti per la loro postura statuaria, immobile e con tratti fortemente delineati. Coltivano il proprio cibo e allevano il bestiame.

I Masaai, che sono forse i più noto gruppo etnico dell’Africa orientale, sono pastori il cui sostentamento e cultura si basa sull’allevamento del bestiame, utilizzato anche come metro per determinare lo stato sociale e la ricchezza.
Dominano la Tanzania settentrionale, ma occupano solo una parte dei loro ex pascoli nel nord, molti dei quali ora sono condivisi con parchi nazionali e altre aree protette. Sono facilmente riconoscibili dalle loro singole vesti rosse o blu e dai loro corpi coperti di ocra.

A nord della steppa Masaai, sulle pendici del Kilimangiaro, vivono i Chagga, che coltivano il lato della montagna ed attraverso l’agricoltura cooperativa hanno raggiunto un buon tenore di vita.

I Gogo vivono vicino a Dodoma e si sono sviluppati lentamente a causa della mancanza d’acqua. Il popolo degli ex guerrieri Hehe vive nell’altopiano del distretto di Iringa.

I Makonde sono famosi a livello internazionale per le loro intricate sculture in ebano (vendute in gran parte dell’Africa orientale). Vivono lungo la costa sull’altopiano di Makonde e il loro relativo isolamento ha portato ad un alto grado di autocoscienza etnica.

I Nyamwezi, il cui nome si traduce “Popolo della Luna”, furono probabilmente chiamati così per via della loro posizione ad ovest. I Nyamwezi, ora coltivatori, un tempo furono grandi commercianti. Gli esploratori europei del XIX secolo li consideravano il gruppo più potente dell’interno.

Il popolo Haya, situato lungo le rive del lago Vittoria a nord-ovest del Nyamwezi, è cresciuto commerciando caffè molto prima dell’arrivo degli europei e oggi ha stabilito impianti di lavorazione del tè e del caffè. Le donne del popolo Haya producono ottimi prodotti artigianali.

In un’area di foresta e boscaglia vivono gli Ha che mantengono una profonda credenza nel mistico. Vivono in relativa solitudine con il loro bestiame dalle lunghe corna e indossano pellami o fibre di corteccia. Sono ben noti per la loro espressività artistica, in particolare le loro danze e celebrazioni.

I tanzaniani ti diranno che la ragione dell’armonia relativa tra i vari gruppi etnici è che praticamente tutti parlano lo swahili oltre alla loro lingua madre.
Oggi, una grande maggioranza della popolazione ha accettato e usa correntemente il Kiswahili, anche l’inglese è generalmente ben noto.
Come risultato di questa situazione linguistica molte delle 120 lingue tribali stanno lentamente svanendo con ogni nuova generazione.
Il Kiswahili d’altra parte è cresciuto in un linguaggio internazionale che è ampiamente utilizzato oltre molti confini
Il Kiswahili è classificato tra le prime 10 lingue internazionali. Oltre alla Tanzania, è ora utilizzato in Kenya, Uganda, Repubblica Democratica del Congo, Zambia, Malawi e Mozambico solo per citarne alcuni.

Clima

La Tanzania ha un clima tropicale ma presenta variazioni regionali dovute alla topografia.

Negli altopiani, le temperature variano tra 10 e 20°C, rispettivamente durante le stagioni fredde e calde.
Il resto del paese ha temperature raramente inferiori a 20°C. Il periodo più caldo è tra novembre e febbraio (25-31°C), mentre il periodo più freddo è tra maggio e agosto (15-20°C).

Le piogge stagionali sono guidate principalmente dalla migrazione della zona di convergenza intertropicale.
Migra verso sud attraverso la Tanzania da ottobre a dicembre, raggiungendo il sud del paese a gennaio e febbraio e tornando verso nord a marzo, aprile e maggio.
Ciò fa sì che il nord e l’est della Tanzania sperimentino due distinti periodi umidi - le brevi piogge (o “Vuli”) da ottobre a dicembre e le lunghe piogge (o “Masika”) da marzo a maggio, mentre il sud, la parte occidentale e parti centrali del paese vivono una stagione umida che continua da ottobre ad aprile/maggio.

L’inizio delle lunghe piogge è in genere attorno al 25 marzo e la fine è in genere attorno al 21 maggio.
Se l’Oceano Atlantico meridionale è più caldo del normale e, allo stesso tempo, l’Oceano Indiano orientale più fresco del normale l’inizio delle grandi piogge ritarda.


Dell’area terrestre, l’84,1% ha un clima tropicale umido e secco.
Il 6.9%, ovvero la savana (Aw), ha un clima semi-arido.
Il 9%, ovvero la steppa (BS), ha un clima temperato (o mesotermico) con inverni secchi (Cw).

Della popolazione, l’80,5% vive in un clima tropicale umido e secco, il 9.5% nella savana (Aw) in un clima semi-arido ed il restante 10% nella steppa (BS), in un clima temperato (o mesotermico) con inverni secchi (Cw).

Location

Lat.

Long.

Alt. m(ft)

Clim.

Bioma

Av. Temp.

Pioggia

Bukoba

1°20'S

31°49'E

1137 (3730)

-

Foresta umida subtropicale

-

2144 (84)

Musoma

1°30'S

33°48'E

1147 (3763)

-

-

-

893 (35)

Mwanza

2°28'S

32°55'E

1140 (3740)

-

-

-

1119 (44)

Arusha

3°20'S

36°37'E

1387 (4551)

-

Foresta umida subtropicale

-

873 (34)

Moshi

3°21'S

37°20'E

831 (2726)

-

Foresta umida subtropicale

-

906 (36)

Same

4°5'S

37°43'E

872 (2861)

-

Foresta umida subtropicale

-

603 (24)

Tanga

5°5'S

39°4'E

35 (115)

-

-

-

1327 (52)

Tabora

5°5'S

32°50'E

1190 (3904)

As

Foresta secca subtropicale

23 (73)

1010 (40)

Dodoma

6°10'S

35°46'E

1120 (3675)

-

Terreno boscoso subtropicale

-

556 (22)

Zanzibar

6°13'S

39°13'E

15 (49)

Am

-

26 (78)

1684 (66)

Dar Es Salaam

6°52'S

39°12'E

55 (180)

As

Foresta tropicale secca

26 (79)

1148 (45)

Mbeya

8°56'S

33°28'E

1707 (5600)

-

Foresta secca subtropicale

-

944 (37)

Mtwara

10°16'S

40°11'E

113 (371)

-

Foresta tropicale secca

-

1145 (45)

Songea

10°41'S

35°35'E

1067 (3501)

Cwa

Foresta secca subtropicale

21 (70)

1150 (45)

 Media dellaTanzania

5°23'S

36°6'E

844 (2769)

As

Foresta umida subtropicale

24 (75)

1107 (44)

Flying to Tanzania

There are frequent direct and indirect flights to Tanzania by numerous international airlines.

International airlines that fly to Dar es Salaam include KLM Royal Dutch Airlines, Swiss International Airlines, Emirates,Qatar Airways, Oman Air,Turkish Airlines,South African Airways, Ethiopian Airlines, Egypt Airways, Kenya Airways, Air Uganda, LAM Mozambique Airlines and Rwanda Air.

Departure tax:
The international departure tax is US$50 but this is included in the price of an airline ticket.

Travel by Rail and Boat

Travel by rail
There are two railway lines. Tanzania - Zambia Railway which is run by the Tanzania and Zambia Railway Authority (Tazara) (tel: (022) 286 2033; www.tazarasite.com) and the Central line - Tanzania Railway line owned by Tanzania Railway corporation.

By rail note:
Tanzania - Zambia Railway Authority (TAZARA), its train journey from Dar es Salaam to Kapirimposhi -  Zambia is very long (around 50 hours) and there are frequent delays. Always travel in First Class in a two or four sleeper compartment. When the train crosses the border between the two countries, immigration officials board the train to complete border formalities. The central line between Kigoma and Dar es Salaam carries international freight and passengers in transit from Burundi, DR Congo and Rwanda to the Indian Ocean, and the branch from Tabora to Mwanza carries freight and passengers between Uganda and the Indian Ocean.train from Dar es salaam to Kigoma, Mpanda and Mwanza


Getting to Tanzania by boat
The main port is Dar es Salaam (http://www.tanzaniaports.com) which is served by commercial ships but no passenger services from other countries. It does however serve as the departure point for ferry services to Zanzibar.

Cruise ships:
Some cruise ships dock at Zanzibar.

Ferry operators:
Passenger ferry services run on Lake Tanganyika to Mpulungu (Zambia). They also used to run to Bujumbura (Burundi), and this service is likely to start up again in the future. There is sporadic and unreliable ferry service on Lake Nyasa linking Tanzania with Malawi.

Driving to Tanzania

The main international road crossings into Tanzania are from Kenya. The most used is the border crossing at Namanga, about halfway between Nairobi and Arusha. The other principle border crossing is south of Mombasa on the coast at Lunga Lunga, from where the nearest large Tanzanian town is Tanga. There are quieter border crossings at Taveta, between Voi and Moshi, and Isebania on the main road between Kisumu and Mwanza.

Border crossings from other neighbouring countries include the Songwe border with Malawi and the Tunduma border with Zambia, both of which are in the southwestern corner of Tanzania and are reached by a good (but long) road from Dar es Salaam. There is a crossing with Uganda at Mutukulu, northwest of Bukoba, but this is a rough road and a remote region to get to. The easiest way to get to Uganda from Tanzania is via Nairobi in Kenya, from where there are daily bus services to Kampala. There is a border crossing with Rwanda at Rusomo, although again this is in the remote northwestern part of Tanzania although there are bus services between Mwanza and Kigali. Tanzania does share a border with Mozambique to the south, but road access between the two countries is very limited.

By road note:
There are many local bus companies that ply the main routes over the borders. Several companies run comfortable shuttle bus services between Nairobi and Arusha and Moshi in Tanzania. These are aimed at tourists who fly into Nairobi and are visiting the game parks in Tanzania’s northern circuit region from Arusha, or are climbing Mt Kilimanjaro from Moshi. The buses take about 5-6 hours in either direction, and drivers assist passengers with border procedures. Riverside Shuttles (www.riverside-shuttle.com) offer a reliable daily service.

For long-distance cross-border bus travel, recommended for visitors is Taqwa Bus Services (+255 655 721287, +255 655 141034, +255 715 423820), which has frequent departures to and from Tanzania and neighbouring countries. They also offer daily services between Nairobi and Kampala in Uganda, and from Dar es Salaam to Lusaka in Zambia.

Salute

La Tanzania ha un clima tropicale e diversi batteri, flora e fauna rispetto a quelli a cui molti visitatori sono abituati, quindi è consigliabile prendere alcune precauzioni di salute quando si viaggia per assicurarsi che il viaggio sia il più agevole e scorrevole possibile.

La malaria è solitamente in cima alla lista delle preoccupazioni dei visitatori.
Assicurati di visitare il tuo medico per ottenere una prescrizione per il farmaco anti-malarico più adatto a te.
La vaccinazione contro la febbre gialla non è più richiesta quando si entra in Tanzania, tuttavia questo è ancora un requisito se si desidera visitare Zanzibar.
Altre vaccinazioni dovrebbero essere prese in considerazione.

Immunizzazione
La migliore scelta di vaccini per il tuo viaggio dipende molto da fattori individuali, compresi i tuoi piani di viaggio.
I vaccini comunemente raccomandati per i viaggiatori in Africa includono quelli contro il tetano, la difterite, la poliomielite, la febbre tifoide, l’epatite A, l’epatite B, la febbre gialla, la rabbia e la meningite.
Certificato richiesto per entrare o viaggiare tra alcuni paesi africani: molti di questi vaccini richiedono più di una dose o richiedono tempo per diventare efficaci.
È sempre meglio chiedere consigli sull’immunizzazione con largo anticipo, se possibile circa 6 settimane prima della partenza.

Cosa mettere in valigia
È consigliabile viaggiare con un kit medico di piccole dimensioni che includa tutti i rimedi di base di cui potresti avere bisogno, come antiacidi, antidolorifici, antistaminici e rimedi contro il raffreddore.
Avrai anche bisogno di farmaci anti-diarrea come Imodium (solo per adulti) e sacchetti per la reidratazione orale, come l’Electrolade, specialmente se sei in viaggio con bambini.
Includi anche articoli di pronto soccorso come cerotti, antisettici e medicazioni. Può valere la pena di chiedere al medico di prescrivere un antibiotico ad ampio spettro, adatto per il trattamento della dissenteria o di infezioni gravi.
Porta con te forbici, pinzette, termometro, burro cacao, crema solare, compresse o gocce per purificare l’acqua, nonché le tue marche preferite di prodotti per l’igiene personale e cosmetici.
Se indossi occhiali o lenti a contatto, prendi parti di ricambio. Prendi anche una torcia e un coltello da tasca.

Igiene alimentare
Sii selettivo nello scegliere che pasti consumare: i possibili rischi per la malattia vanno da attacchi minori di diarrea a dissenteria e malattie parassitarie più gravi che possono rovinare il tuo viaggio, quindi le precauzioni sono utili. Scegli sempre il cibo cucinato fresco, cotto e servito caldo.
Evita il cibo a buffet o tutto ciò che è stato riscaldato o lasciato esposto alle mosche.
Evita i frutti di mare. La frutta e la verdura crude tendono a essere molto difficili da sterilizzare: non mangiarle a meno che non siano state lavate accuratamente in acqua pulita o siano facili da tagliare o sbucciare senza contaminare la carne.
Nei tropici, i frutti più facili e sicuri sono le banane e le papaie.
Non aver paura di rifiutare il cibo che consideri non sicuro, di chiedere che qualcosa sia preparato appositamente o di saltare un pasto.

Purificazione dell’acqua
Bevi solo acqua che sai essere sicura. Non bere l’acqua del rubinetto e non lavarti i denti con essa, usa solo bevande in bottiglia o in lattina.
Fatti aprire le acque minerali in bottiglia in tua presenza e considera pericoloso il ghiaccio. L’alcol non sterilizza una bevanda!
In caso di dubbio, purifica l’acqua mediante ebollizione o con cloro o iodio o utilizzando un depuratore d’acqua.
Uno dei metodi più sicuri è usare una tintura al 2% di iodio: aggiungere 1 goccia di iodio in ogni tazza d’acqua e attendere 20 minuti prima di bere.

Incidenti e lesioni
Incidenti e lesioni uccidono molti più viaggiatori di malattie infettive esotiche: sii sempre vigile! I rischi derivano non solo dagli incidenti stessi, ma anche dalla scarsità di cure mediche qualificate. Non guidare su strade sconosciute e non illuminate di notte. Non guidare un motorino, una motocicletta o una bicicletta. Non bere alcolici e guidare dopo, e non guidare troppo veloce. Insisti che i tassisti guidino con prudenza quando sei un passeggero. Usa le cinture di sicurezza e, per i bambini, prendi i tuoi seggiolini. Fai particolare attenzione alle piscine: non bere alcolici e nuotare dopo, e controlla sempre la profondità. Trasporta un piccolo kit di primo soccorso o un kit medico. Le ferite minori possono facilmente infettarsi: prenditi cura di loro con attenzione e cerca un pronto intervento se è necessario.

Malattie tropicali

Malaria: la malaria è una malattia diffusa dalle zanzare che mordono soprattutto al tramonto e di notte. Ogni viaggiatore in Africa ha bisogno di consigli affidabili e aggiornati sui rischi nella propria destinazione. La prevenzione consiste nell’utilizzare una protezione efficace contro i morsi (vedi sotto), oltre a prendere farmaci antimalarici. La scelta del farmaco più adatto dipende da molti fattori individuali e i viaggiatori hanno bisogno di una consulenza attenta e professionale sui vantaggi e gli svantaggi di ciascuna opzione. I farmaci preventivi più efficaci per i viaggi in Africa sono:

Lariam: ampiamente usato, gli effetti collaterali hanno ricevuto molta attenzione da parte dei media (da sogni ad occhi aperti a reazioni neurologiche più gravi); le persone a cui è sconsigliato assumere questo farmaco sono viaggiatori con precedenti di problemi neurologici e psicologici.

Doxiciclina: i possibili effetti collaterali includono una reazione cutanea che può essere scatenata dalla luce solare intensa, nonché un aumento del rischio nelle donne di candida vaginale.

Malarone: altamente efficace, ben tollerato e con un tasso estremamente basso di effetti collaterali, ma più costoso e attualmente disponibile solo su base non autorizzata da centri specializzati.

Clorochina e Paludrina: hanno un basso rischio di effetti collaterali e in passato erano ampiamente utilizzate, ma ora non sono più efficaci contro le zanzare che vivono in molte parti dell’Africa orientale, occidentale e centrale, quindi devono essere usate con cautela, o addirittura conviene non usarle. L’importazione commerciale in Tanzania è stata addirittura interrotta.

Qualunque sia la tua scelta, devi prendere un farmaco antimalarico se stai visitando una regione malarica e devi continuare a prendere il farmaco per il periodo necessario dopo il tuo ritorno; devi anche prendere precauzioni per ridurre il numero di punture di insetti (vedi sotto).
I visitatori delle aree malariche sono a rischio molto maggiore rispetto alla popolazione locale: non cambiare o sospendere i farmaci contro la malaria se non su una consulenza professionale qualificata.
I viaggiatori in luoghi molto remoti dovrebbero anche prendere in considerazione l’idea di un trattamento antimalarico in stand-by, da utilizzare in caso di emergenza.

Altre malattie tropicali: le malattie tropicali sono relativamente rare nei viaggiatori. La maggior parte di essi tende a essere trasportata da cibo o da insetti, quindi le precauzioni elencate sopra impediranno la maggior parte dei casi.
La schistosomiasi, nota anche come Bilharzia, è una malattia parassitaria diffusa per contatto con l’acqua di laghi, fiumi e torrenti.
Indipendentemente dai consigli che si possono ricevere dalle persone locali e persino dalle guide turistiche, nessun lago, fiume o torrente in Africa è esente da rischi.
Il contatto dovrebbe essere evitato o ridotto al minimo. Le piscine clorurate sono sicure.

Rabbia: in Africa, i cani non sono animali domestici, quindi evitate di toccare gli animali. La rabbia è trasmessa da morsi, ma anche da leccate e graffi: le ferite devono essere lavate accuratamente e pulite con antisettico, seguite da un’attenta e qualificata attenzione medica inclusa l’immunizzazione.
Chiedete consiglio sull’immunizzazione antirabbica prima del viaggio, specialmente se il vostro viaggio sarà lungo.

Tornare a casa
La maggior parte dei casi di malaria dei viaggiatori si verificano quando i viaggiatori smettono di assumere farmaci antimalarici non appena arrivano a casa.
Questo è pericoloso e l’assunzione delle compresse deve essere protratta secondo le istruzioni (almeno 4 settimane dopo aver lasciato una zona malarica, ad eccezione di Malarone, che può essere interrotta dopo 1 settimana).
I sintomi della malaria, e di altre malattie tropicali, possono non apparire fino a molto tempo dopo il tuo ritorno a casa, potresti non necessariamente associarli al tuo viaggio.
Segnala sempre eventuali sintomi al tuo medico e assicurati che sappia che sei stato in Africa, anche fino a 12 mesi dopo la visita.
RICHIEDI un esame del sangue per la malaria. Se sei stato esposto alla schistosomiasi, deve essere preso in considerazione un esame del sangue almeno sei settimane dopo il ritorno a casa.
Nessuna responsabilità può essere accettata da AMREF o dai contributori per le azioni intraprese a seguito delle informazioni qui contenute.
Si consiglia a tutti di chiedere un adeguato parere medico, se necessario, prima, durante e dopo il viaggio.

Il servizio Flying Doctor
In molte parti dell’Africa, l’accesso a un’adeguata assistenza sanitaria può significare lunghi e tortuosi tragitti su strada. Il servizio Flying Doctor gestito da AMREF non solo fornisce assistenza e soccorso di emergenza alle comunità locali nelle regioni remote, ma fornisce anche un servizio medico di evacuazione via aerea ai turisti.
Entrando a far parte della Flying Doctors’ Society puoi aiutare il servizio a raggiungere le persone che ne hanno più bisogno e anche assicurarti un volo di evacuazione di emergenza gratuito per te stesso nei casi peggiori durante i tuoi viaggi.
Visita la pagina Flying Doctors per saperne di più e per diventare un membro della società.


© Copyright Amref – Flying Doctors

Tanzania Airport List

The mainland (excluding Zanzibar) has 26 airports. The Tanzania Airports Authority (TAA) operates all the airports except for Kilimanjaro International, which is managed by the state owned Kilimanjaro Airport Development Company (KADCO).

Tanzania Mainland

Location

Region

ICAO

IATA

Airport name

Runway (m)

Surface

Arusha

Arusha Region

HTAR

ARK

Arusha Airport

1,620

Asphalt

Bukoba

Kagera Region

HTBU

BKZ

Bukoba Airport

1,325

Asphalt

Dar es Salaam

Dar es Salaam Region

HTDA

DAR

Julius Nyerere International Airport

3,000

Asphalt

Dodoma

Dodoma Region

HTDO

DOD

Dodoma Airport

2,020

Asphalt

Hai District

Kilimanjaro Region

HTKJ

JRO

Kilimanjaro International Airport

3,600

Asphalt

Ibadakuli

Shinyanga Region

HTSY

SHY

Shinyanga Airport

2,000

 

Kilwa Masoko

Lindi Region

HTKI

KIY

Kilwa Masoko Airport

1,800

 

Lake Manyara

Arusha Region

HTLM

LKY

Lake Manyara Airport

1,220

 

Lindi

Lindi Region

HTLI

LDI

Lindi Airport

1,748

 

Mafia Island

Pwani Region

HTMA

MFA

Mafia Airport

1,500

Asphalt

Masasi

Mtwara Region

HTMI

XMI

Masasi Airport

1,275

 

Mbeya

Mbeya Region

HTMB

MBI

Mbeya Airport

1,569

 

Mbeya

Mbeya Region

HTGW

 

Songwe Airport

3,330

Asphalt

Moshi

Kilimanjaro Region

HTMS

QSI

Moshi Airport

1,569

 

Mpanda

Katavi Region

HTMP

 

Mpanda Airport

1,820

Asphalt

Mtwara

Mtwara Region

HTMT

MYW

Mtwara Airport

2,260

Asphalt

Musoma

Mara Region

HTMU

MUZ

Musoma Airport

1,600

 

Mwanza

Mwanza Region

HTMW

MWZ

Mwanza Airport

3,010

Asphalt

Nachingwea

Lindi Region

HTNA

NCH

Nachingwea Airport

1,795

 

Nduli

Iringa Region

HTIR

IRI

Iringa Airport

1,670

Asphalt

Ngara

Kagera Region

HTNR

 

Ngara Airport

1,445

 

Songea

Ruvuma Region

HTSO

SGX

Songea Airport

1,617

Asphalt

Sumbawanga

Rukwa Region

HTSU

SUT

Sumbawanga Airport

1,428

 

Tabora

Tabora Region

HTTB

TBO

Tabora Airport

1,786

Asphalt

Tanga

Tanga Region

HTTG

TGT

Tanga Airport

1,255

Asphalt

Ujiji

Kigoma Region

HTKA

TKQ

Kigoma Airport

1,794

Asphalt

Zanzibar

Airports in the Zanzibar Archipelago are under the jurisdiction of the Zanzibar Airports Authority.

Location

Region

ICAO

IATA

Airport name

Runway (m)

Pemba Island

South Pemba Region

HTPE

PMA

Pemba Airport

1,517

Unguja Island

Zanzibar Central/South Region

HTZA

ZNZ

Abeid Amani Karume International Airport

3,007

Airstrips

Location

Region

ICAO

IATA

Airstrip name

Runway (m)

Operated by

Loliondo

Arusha Region

HTLD

 

Loliondo Airstrip

1,535

TAA

Mikumi National Park

Morogoro Region

HT

 

Kikoboga Airstrip

 

TANAPA

Mombo

Tanga Region

HTMO

 

Mombo Airstrip

 

TAA

Morogoro

Morogoro Region

HTMG

 

Morogoro Airstrip

1,000

TAA

Kilimanjaro National Park

Kilimanjaro Region

HTWK

 

West Kilimanjaro Airstrip

1,244

TAA

Ruaha National Park

Iringa Region

HTMR

 

Msembe Airstrip

1,288

TANAPA

Rubondo Island National Park

Mwanza Region

   

Rubondo Airstrip

1,242

TANAPA

Same

Kilimanjaro Region

HTSE

 

Same Airstrip

750

TAA

Selous Game Reserve

Pwani Region

HT

 

Mtemere Airstrip

.

MNRT

Seronera

Mara Region

HTSN

SEU

Seronera Airstrip

1,570

TANAPA

Singida

Singida Region

HTSD

 

Singida Airstrip

1057

TAA

Songo Songo Island

Lindi Region

HT

 

Songo Songo Airstrip

1050

TPDC

Military airbases

  • Mwanza Air Force Base, Mwanza
  • Ngerengere Air Force Base, Morogoro Region
  • Ukonga Air Force Base, Dar es Salaam

Proposed airports

  • Msalato International Airport, Dodoma (capital)
  • Kajunguti International Airport, Kagera Region
  • Serengeti International Airport, Mugumu

Regulations and Park Fees

PARK FEES FOR 2013-2015
- TANAPA tariffs valid from July 1st, 2013 to June 30th, 2015
- NOTE: Fees Once Paid Shall Not Be Refunded

NOTE FOR EXPATRIATES FEE
Tanzania National Parks (TANAPA) wishes to clarify to the Public on the application of the recently introduced Expatriates Fee which has caused confusion since the start of its operation.
- The fee is applicable to expatriates residing in Tanzania only. Expatriate should be defined as any person holding either of the following:-
- Valid Work permits Class A, B or C
- Exemption certificates
- Temporary pass attached with government receipt and acknowledgement letter.
- Stamped passports will not be accepted.
- Expatriates fees applies only on Conservation Fee (Park entry) and not any other tourism products for which non-residence fees should apply.

CHIMPS VIEWING REGULATIONS FOR MAHALE MOUNTAINS NATIONAL PARK
- Chimp viewing regulations for Mahale Mountains National Park

THE MOUNTAINS NATIONAL PARKS REGULATIONS
- Mountains National Parks Regulations (posted 2011-08-18)

TANAPA POINTS TO REMEMBER ON MOUNTAINS CLIMBING
- To listen to the guides and others who are familiar with the conditions here, follow their advice.
- Leave the park undisturbed by no leaving, or removing anything, animate or inanimate.
- If you meet problems, turn back, and use the same route that you and your party had taken up.
- A pulmonary case ought IMMEDIATELY to be brought down to lower altitudes.
- Follow the official routes/trails only, when you are walking in the forest. It is easy to get lost. Never go alone if it can be helped.
- Litter disfigures nature. Please ensure that everyone in party picks up, brings back, or disposes of it at places provided.
- Do not light, or cause a fire to be lighted. Be particularly careful of live lit cigarette butts.
- Stick to your plan, by doing so you will not inconvenience others in the huts.

TANAPA RESCUE ON MOUNTAIN CLIMBING
- Always avoid a rescue by reading the regulations.
- Get ACCLIMATISED by avoiding rapid ascent from low altitude to above 10,000. By doing so you may avoid MOUNTAIN SICKNESS, and prevent pulmonary oedema.
- Do not go above 13,000’ if you have a cold.
- When a rescue is required in your party, report immediately or send a clearly written note to the Parks Gate.

CONDITIONS
It is an express condition of your visit to this Park that the Board of Trustees shall not be responsible for any bodily injury to any visitor arising from an cause: or for or damage to the property of any visitor brought into the park arising from fire, theft or otherwise by whomsoever caused or arising from negligent or wrongful act of any person in the employment of the Board. All visitors are deemed to have contracted with the Board on this basis.

NGORONGORO CONSERVATION AREA (NCA) RULES AND REGULATIONS, FESS
- Ngorongoro Conservation Area Rules and Regulations
- Fees and Payments

OTHER POLICIES AND REGULATIONS
TANZANIA NATIONAL WILDLIFE POLICY (1998)
- Tanzania National Wildlife Policy (1998)

WILDLIFE CONSERVATION (NON-CONSUMPTIVE WILDLIFE UTILIZATION) REGULATIONS, 2007
- Tanzania Wildlife Conservation Act (2002)

Tanzania_Parks_Fees_2013_2015

Accomodation Guide

Tanzania has a vast spread of accommodation options, ranging from luxurious game lodges in game-filled national parks, heritage buildings in the winding alleys of Stone Town, sprawling resorts and rustic beach huts lining Zanzibar’s beaches, and extending down-budget all the way to a plethora of middling mid-range hotels and the cheap, rough-around-the-edges guest houses.

Hotels in Tanzania vary from superbly finished, expensive luxury hotels with all the trimmings found in the cities and popular tourist areas, to mid-range generic hotels favoured by local business people, and cheap board and lodgings in the regional towns, which, although sometimes adequate, have little atmosphere and can have security issues.

Apartments

For large families or the more budget conscious traveller, self-catering accommodation like apartments may be the way to go while travelling around Tanzania cities and towns

Backpackers

Backpackers and hostels offer low-cost accommodation and are popular with young travellers from around the world. There is usually a central kitchen and bathroom, and a mixture of shared rooms (dormitories) as well as single and double rooms.

Bandas

Bandas or chalet, is a type of building or house, native to the Tanzania, usually made of wood, with a heavy, gently sloping roof and wide, well-supported leaves set at right angles to the front of the house, these are mainly found in mountain areas and beaches.

Bed & Breakfast

Typically shortened to B&B but also spelled BnB, is a small lodging establishment that offers overnight accommodation and inclusive breakfast, but usually does not offer other meals, provided in guest houses and small hotels. Referred to locally as ‘board and lodgings’, these are often offshoots of local bars and provide very cheap accommodation, but offer little more than a bed in a bare room with a door that may or may not lock. At these you will want to ensure rooms are clean, there is water in the bathrooms and special attention to possessions should be paid while staying there. These cannot be booked in advance.

Campsites

There are public campsites in many of the national parks. Some have standard facilities, including taps, toilets and firewood; others are more basic with just a cleared space to park a vehicle and pitch a tent. Permits for camping in the parks must be paid for along with entry to each park. It is advisable to check the prices and site procedure before arrival. A list of public and private campsites is available from the Tanzania National Parks

Guest Houses

A guest house (also guesthouse) is a kind of lodging, these are largely located in most part of Tanzania towns and villages providing bed and breakfast, guest houses are a type of inexpensive hotel-like lodging.

Homestays

Homestay is a form of tourism and/or study abroad that allows visitors to rent rooms local families. It is sometimes used by people who wish to improve their language skills and become familiar with the local lifestyle.

Hostels

Hostels offer low-cost accommodation and are popular with young travellers from around the world. There is usually a central kitchen and bathroom, and a mixture of shared rooms (dormitories) as well as single and double rooms.

Hotels

There is a variety of hotels available in Tanzania ranging from the luxurious hotels to the mid-range lodges plus beach resorts that offer double rooms having air conditioning plus private bathrooms for about US$250 to 150, basic plus small town facilities mainly used by local businessmen go for about US$50 to100 for each room, and standard board plus hotels commonly used by local travelers goes for less than US$10 per day.

Lodges

There are safari lodges in all national parks and game reserves. Some of these have hundreds of rooms and are aimed at families and tour groups, so while they have decent standards can feel a little impersonal. Others are top-end luxury lodges or tented camps with just a few decadent rooms, boasting impeccable service in stunning locations. Expect to pay exorbitant prices for even the most ‘budget’ lodge, with bookings essential for popular lodges in the Serengeti and Ngorongoro National Parks. Reservations can be made through specialist tour operators as part of a safari trip, or by contacting the lodges directly.

Resorts

There are dozens of beach resorts on Zanzibar and at a few places on the mainland coast that are aimed at holiday-makers looking for the typical sun, sea and sand experience. Most have been built sensitively, with rooms in low blocks of buildings covered in makuti thatch. These offer B&B, half-board, full-board or ‘all-inclusive’ rates (extras like watersports and children’s activities may be included). Bookings can be made directly through the resort or through the local tour operators. Room rates at beach resorts tend to be seasonal – the high season runs from the beginning of June to mid-October and again from Christmas to mid-February; at these times reservations should be made well in advance.

Tented Camps

Tented Camps can be Budget Camping involves travelling with all your camp equipment, your guide and possibly a cook in your vehicle with you. Fly Camping involves setting up small, temporary camps for a night under the stars, more often than not in a remote part of the bush. Luxury Camping Imagine feather pillows, soft towels, gin and tonic on the rocks and four course gourmet meals in a candlelit dining tent as far from civilisation as you can get. Lightweight Luxury Camping tents will have metal or wood-frame beds, standing headroom, a veranda and small en-suite toilets and hot showers. Most tented camping settings offering you a colonial style safari experience with luxurious tented lodgings - taking you back in time to an era long forgotten. Stay in elegantly appointed luxury en-suite safari tents.

Villas

Discover the benefits of renting a private villa over a hotel: personalized ... Villas are luxurious, private residences that are made available to vacation travelers.

{exp:channel:categories channel="accommodation" category_group="2" style="linear"}

{category_name}

{category_description}

{/exp:channel:categories}

Photography Guide

Tanzania Photography Tips:

Photographing
Photographing

1. Be patient, it may sound a little strange but patience is one of those wildlife photography tips that really will improve your wildlife pics. The most interesting animal images are the ones where they exhibit some kind of behaviour other than sleeping or walking around and to capture these type of images, takes time and patience.

2. Be prepared and ready with your camera at all times for those stunning photographs, animals suddenly appear and may only give you a glimpse. A general setting is recommended at f8, servo mode with aperture priority for the sharpest photos.

3. When taking close-up pictures with a tele-photo lens set the aperture at f8 and focus on the animal’s eyes. This guarantees that most of the animals face will be in focus in your photo.

4. When the subject is in motion, use a shutter speed of at least 1/125 for sharper images, except if you are using a panning method. Photographs of birds in flight necessitate speeds of 1/500 or more. A good starting point for wildlife photography is a lens with a 300mm in focal length. Good bird photos will require a 500mm lens.

5. Do not centre all your photos, leave room in your subject for the animal to move into. This will prevent lifeless composition and give an imitate portrayal of your subject in your images. Photographs taken at the animal’s eye-level will appear more sensational.

6. If your prime reason for going on safari is to take photos, do not go on a regular safari. You will find yourself sharing your vehicle with up to 6 guests. So do not expect to stay at any sighting long enough to take any behavioural pics.

7. Use the available light to the best advantage for all those stunning photos. One of the lesser known wildlife photography tips is that the best time for spotting wildlife animals on safari is during the early morning and late evening. Coincidentally that is also when the light is best for photography so take full advantage of this. Midday is problematic because of the harsh direct light and dark bodies against light backgrounds makes for difficult exposure of your animal pictures.

8. Getting the focus right is not as easy as it sounds especially with today’s auto focus cameras. Because there are often branches, grass and vegetation obscuring the subject in safari wildlife photos the camera can easily focus on that instead of the animal. So be careful that your camera isn’t focussing on that clump of grass in front of the subject and spoil that once in a life-time image.

9. Think carefully about the aperture you use for the best pics. By using a large aperture you can throw the background out of focus to isolate the subject on your image.

Source: Tanzania wildlifeSafaris

Sicurezza

La Tanzania è un paese sicuro in cui viaggiare.

I tanzaniani sono persone cordiali e generose, sono desiderosi di aiutare i visitatori a ottenere il massimo dal loro soggiorno.
Gli hotel sono sicuri e hanno sentinelle.
La Tanzania è un paese politicamente stabile e democratico. Tuttavia, come in tutti i paesi, un po’ di buon senso è sempre consigliato ed è meglio prendere delle precauzioni ragionevoli, come tenere gli oggetti di valore nella cassaforte dell’albergo e non camminare da soli di notte.

Vector Maps

  • Tanzania Regional Map

    Tanzania Regional Map

  • Tanzania Wildlife Management Areas

    Tanzania Wildlife Management Areas

  • Tanzania North East

    Tanzania North East

  • Tanzania North West

    Tanzania North West

  • Tanzania Central West

    Tanzania Central West

  • Tanzania Central Mid

    Tanzania Central Mid

  • Tanzania Central East

    Tanzania Central East

  • Tanzania South East

    Tanzania South East

  • Tanzania South Mid

    Tanzania South Mid

  • Tanzania South East

    Tanzania South East

  • Tanzania South South West

    Tanzania South South West

  • Tanzania South South East

    Tanzania South South East

  • Kilimanjaro

    Kilimanjaro

Join us on Social Media